Andrea Pozzolini

Rhea Vendors Group, fondata nel 1960 da Aldo Doglioni Majer, è tra i più importanti produttori al mondo di distributori automatici. Con una produzione 100% Made in Italy, casa madre a Caronno Pertusella (Varese), l’azienda conta 3 siti produttivi in Italia e sedi estere in 9 paesi nel mondo. Rhea esporta da sempre l’eccellenza della manifattura italiana e la cultura del caffè in tutto il mondo, accompagnando il settore del vending in una continua evoluzione verso nuovi servizi e mercati.

#restart

Come sta cambiando la vostra industry e cosa vi aspettate dal mercato?

Il settore del vending è da sempre un settore dinamico, in costante evoluzione sotto la spinta dell’innovazione e delle nuove tecnologie da una parte e in risposta ai nuovi comportamenti di consumo dall’altra. La situazione contingente dovuta alla pandemia ha sicuramente incentivato il settore a ripensare alcuni modelli di distribuzione automatica uscendo dai più tradizionali confini della distribuzione di caffè, bevande e snack per conquistare il mondo del retail, della ristorazione, dell’hotellerie, degli spazi di co-working e dei bar. Pensiamo ad esempio ai corner all’interno di punti vendita per la distribuzione non solo di caffè, ma anche di cibi pronti in monoporzioni, prodotti DOC, riviste, prodotti farmaceutici e naturalmente i kit sanitari anti-covid. Le nostre macchine distribuiscono mascherine presso l’aeroporto di Dubai ed è recente un progetto di mensa automatica in Germania realizzata da Rhea insieme a due partner tedeschi. Noi progettiamo le macchine automatiche come strumento strategico per offrire nuove opportunità di acquisto e nuove esperienze di consumo personalizzate, non solo con una disponibilità 24 ore su 24 ma, molto più importante, con un servizio di qualità e di valore. Per questo siamo impegnati a realizzare soluzioni pensate per rivoluzionare gli spazi del retail, della GDO e della ristorazione e che saranno protagoniste delle città del futuro.

Ci sono dei principi che vi guidano e ispirano in questa nuova fase?

Sono gli stessi principi che ci distinguono sul mercato da oltre 60 anni: l’attitudine all’innovazione, l’attenzione al design, la capacità di realizzare progetti tailor made e l’abilità a cogliere tempestivamente i segnali di cambiamento del mercato. Dal punto di vista tecnologico, le nostre macchine sono sempre più dotate di intelligenza, possiamo quindi definirle macchine smart che, grazie alla connessione internet e all’integrazione con le nuove tecnologie quali AI e IoT, migliorano il servizio permettendo l’intervento di manutenzione da remoto, ordini e pagamenti cashless e interattività con gli utenti. Inoltre, la tecnologia proprietaria Variplus ci consente di garantire la massima qualità e varietà delle bevande e un risparmio energetico che consente un uso più consapevole delle macchine. Dal primo distributore di palline chewing-gum, indiscussa icona degli anni sessanta, alla macchina E410 esposta al Museum of Modern Art di New York, investiamo tanto nel design affinché le macchine si inseriscano in modo armonioso negli ambienti di consumo. Con questo obiettivo abbiamo negli anni collaborato con importanti designer quali Michele De Lucchi, Angeo Micheli, Massimo Iosa Ghini, Ferruccio Laviani, Angelo Mangiarotti, Bruno Morassuti, Franz Bergonzi, Well Design, Luan Peter Hasnay e Bernd Brüssing. Nel 2020, in occasione dei 60 anni dell’azienda, abbiamo realizzato insieme al regista Davide Livermore Kairos, una macchina avveniristica in edizione limitata che rivoluziona le normali forme dei distributori automatici grazie a uno schermo esageratamente ma volutamente grande che serve a guidare la scelta della bevanda desiderata in modalità touchless, tramite app, e che coinvolge il consumatore in un viaggio esperienziale di 32 secondi nella bellezza delle immagini, nella forza dei suoni e nel piacere del gusto. E’ la sintesi perfetta della mission di Rhea, che consiste nell’offrire la migliore esperienza nella pausa caffè.

#partner ed effetto network

Una delle grandi sfide di oggi è la creazione di un network affidabile, in grado di affrontare problemi emergenti. Ci raccontate un esempio di progetto dove la collaborazione con fornitori nella filiera ha giocato un ruolo centrale?

Abbiamo sempre creduto nel valore delle partnership: dalle collaborazioni con i designer a cui ho accennato prima, all’affinamento delle ricette con i più importanti esperti di caffè e food-design, tra cui Chiara Bergonzi, Nana Holthaus-Vehse, Matteo Beluffi, e Paolo Barichella.
Per noi i fornitori sono veri e propri partner con i quali condividiamo i medesimi valori, con cui costruire progetti e raggiungere insieme obiettivi e traguardi.
Lo conferma il fatto che con molti di loro abbiamo rapporti pluriennali.
La nostra attenzione a progetti che guardano al futuro è molto alta, insieme ad altre eccellenze italiane del design e dell’industria 4.0, siamo stati selezionati da Hi-Hack per il Mind (Milano Innovation District) per dare il nostro contributo sulla sperimentazione dei nuovi modelli di consumo e siamo certi che con questo progetto stiamo seriamente mettendo le basi per le città del futuro, le smart cities. 

Anzi a questo proposito vi invito anche a guardare all’interno del nostro salotto digitale RheaThinkTogether.com le tre videopillole realizzate con Carlo Ratti e Davide Livermore.

Un altro interessante progetto è MrLunch realizzato dalla nostra filiale tedesca insieme a un’azienda che gestisce servizi di ristorazione per aziende e un noto torrefattore delle macchine. MrLunch è una mensa aperta H24 per rispondere alle nuove esigenze della pausa pranzo in azienda, caratterizzata da turni differenziati, distanziamento e necessità di ottimizzare la gestione e i costi. Macchine automatiche per la distribuzione di pasti, e intendo alimenti di qualità, trovano applicazione non solo in azienda ma in numerosi altri contesti offrendo servizi che migliorano la vita delle persone..

Ha accennato a RheaThinkTogether, ci vuole spiegare meglio di cosa si tratta e quali finalità si pone?

Rhea Think Together è un salotto digitale con cui abbiamo messo a disposizione un ambiente stimolante per offrire nuovi impulsi non solo al settore del vending ma a tutto il mondo imprenditoriale. Crediamo infatti nella contaminazione di mondi differenti come condizione imprescindibile per vincere le sfide di oggi e di domani. La digital lounge di Rhea, grazie al contributo di chi vi partecipa, è uno stimolo alla creatività, una creatività mirata quale valore aggiunto per il mercato e per la qualità della vita delle persone. Partecipando a questa piattaforma abbiamo tutti la possibilità di arricchirci, di raccogliere idee che potranno diventare progetti concreti. 

Non diamo strumenti da usare con un click. Apriamo le porte di casa nostra, del nostro salotto dove condividere esperienze e visioni. Noi creiamo la possibilità di parlare e vogliamo invitare tutti a dire la loro. Questo è l’obiettivo, questo è l’impegno che abbiamo preso con Think Together. Abbiamo parlato di sostenibilità, del rapporto uomo/macchina, di cultura, di smart city e urbanistica contemporanea, di tradizione e innovazione in cucina e di food design. Tutti temi che riconducono a innovazione, sostenibilità sociale e cultura che riteniamo rappresentino i pilastri portanti del futuro del mondo dell’impresa.

#liquidità

Cosa ne pensa dello strumento del reverse factoring e della semplicità di accedervi con strumenti digitali?

Abbiamo aderito a questo importante progetto perché crediamo fortemente nella cooperazione tra la filiera per fare un fronte compatto e solidale nell’affrontare le difficoltà dovute alla crisi provocata dalla pandemia. Questo è per noi un modo per dare un supporto in più ai nostri fornitori. Preferiamo definirli rapporti di collaborazione più che di fornitore-cliente, infatti, con molti di loro, abbiamo costruito relazioni durature e sostenibili, condividendo negli anni know-how e progettualità, che ci hanno permesso di raggiungere insieme importanti traguardi.

E’ una questione di responsabilità imprenditoriale e sociale. Difendere le eccellenze italiane e promuovere la crescita è per Rhea una priorità e un dovere. La facilità con cui le aziende posso accedere al reverse factoring grazie alla piattaforma digitale è uno dei motivi che ci ha spinto a far parte dei 102.

rafforza la tua filiera, sostieni l’Italia

Unisciti a Guber Banca e a i102 per sostenere l’economia italiana e fortifica la tua impresa attraverso la finanza digitale.